Assetto Corsa Early Access: simulazione all’italiana
17 Settembre 2014
NVIDIA lancia la GeForce GTX 970 basata su architettura Maxwell
20 Settembre 2014

Intel presenta i nuovi Core M adatti a tablet fanless

Finora se si cercava na tablet x86 con sistema di dissipazione passivo l’ unica scelta sul fronte Intel era quella delle CPU Intel Atom. Purtroppo però le CPU Atom non erano adatte a sostituire del tutto i portatili, sia per le prestazioni scadenti ma anche a causa di limiti imposti dal PCH ( Limite di 2 GB di RAM in primis). Finalmente le acque sembrano muoversi per il mercato dei tablet passivi dato che Intel ha da poco presentato le nuove CPU Core M 5Y10, 5Y10a e 5Y70.big_broadwell-highlevel

Le CPU sono molto simili tra loro, sono costruite con il nuovo processo produttivo a 16 nm e le differenze sono date dalla differente frequenza di CPU e scheda video integrata. Le CPU hanno 2 core ed Hyperthreading quindi il sistema vedrà 4 Core Logici, le frequenze partono da 800 MHz (2 GHz in turbo boost) per i modelli  5Y10 e 5Y10a ed arriviamo fino a 1.1 GHz (2.6 GHz in turbo Boost) per il modello 5Y70. La GPU va invece da un minimo di 100 ad un massimo di 800 per i primi due modelli  mentre per il più performante si va da 100 a 850 MHz. Tutti e tre supportano 16 GB di RAM DDR3 alla frequenza massima di 1600 MHz, il TDP è di 4.5 W e dispongono da 4MB di Cache.

intel-core-m-broadwell-y-die-diagram-map

Particolarità di queste CPU come per le recenti APU di AMD è di poter variare il TDP target delle CPU in modo da adattarle meglio al prodotto finale. Si può andare da un minimo di 3 Watt ad un massimo di  6 per i modelli più spinti.  In fase di acquisto si dovrà tener conto pure di questo dato perchè un core M 5Y10 impostato a 6 Watt potrebbe essere più performante di un 5Y70 impostato a 3. Grandi passi in avanti sono stati fatti sia sul piano delle performance della CPU sia in quello della GPU che paragonate al più potente Atom disponibile sono veloci fino a 2.5 volte in più.

HSW-Y-vs-BDW-Y

Le CPU sono anche più piccole dei precedenti della serie precedente, cosa che renderà possible integrarle meglio nelle schede logiche.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi