GeForce RTX 2060 ROG Strix, Dual e Turbo. Tutte le versioni presentate da Asus
9 Gennaio 2019
TUF Gaming GT501, il primo case gaming di Asus
1 Febbraio 2019

Xiaomi Mi 8: fotografo provetto

Prove fotografiche

Menzione d’onore va fatta alle fotocamere presenti su questo device. Ho voluto soffermarmi molto sui due sensori posteriori perché offrono veramente prestazioni paragonabili ad una macchinetta fotografica di tutto rispetto, lavorando bene in qualsiasi condizione di luce. Le due fotocamere valgono quasi la totalità del prezzo del telefono.

Andiamo quindi a vedere alcuni scatti che siamo riusciti a cogliere dai due sensori, il Sony IMX363 da 12MP, utilizzato come primario, e il sensore secondario Samsung, sempre da 12MP.

Andiamo ad analizzare 3 immagini, una scattata in Full Auto, una in HDR e una in modalità AI:

In modalità Full Auto, ovvero senza nessuna impostazione particolare, ci ritroviamo una foto molto fedele alla realtà, senza nessun colore molto saturato; le foto HDR sono di buona qualità; mentre le foto con l’intelligenza artificiale non mi fanno impazzire: immagini molto saturate e poco contrasto.

Anche in condizioni di poca luce il sensore Sony si comporta molto bene, introducendo poco rumore e mantenendo sempre nitida l’immagine, sempre confronto tra Full Auto, HDR e AI:

La differenza, in questo caso, è minima, ma nella foto scattata con l’AI notiamo come sia molto più luminosa e il caffè prenda quasi una colorazione gialla.

Ultimo test nella situazione più difficile: le foto in notturna.

Vediamo come nelle due modalità HDR e AI le luci del lampione assumono quasi l’effetto di un “fantasma”, con molti aloni e macchie.

Ultimo andiamo a vedere come si comporta il sensore Samsung e il suo teleobiettivo 2X:

Armatevi di pazienza e di una mano ferma perché il sensore 2X non è stabilizzato e, soprattutto in condizioni di bassa luminosità, le vostre foto verranno mosse. Poco male perché anche croppando una foto scattata con il sensore primario avremo comunque una foto ad altissima qualità.

Ottima anche la funzionalità Ritratto, che utilizza l’insieme delle due fotocamere per creare un effetto Bokeh molto realistico e molto raffinato, andando a scontornare sempre bene i bordi.

Ottimo anche nelle macro:

Parlando invece del sensore anteriore, non c’è niente di mozzafiato, rimane comunque perfetto per i selfie da social e realizza un buon effetto Bokeh:

Indice

Pagina 1: Introduzione
Pagina 2: Unboxing e benchmark
Pagina 3: Prove fotografiche
Pagina 4: Impressioni d’uso
Pagina 5: Conclusioni

Giacomo Rossi
Giacomo Rossi
Ciao, sono Giacomo Rossi e sono uno studente. La passione è nata a soli 3 anni, quando mio padre comprò il primo PC. Allora internet era off-limits per me e mi limitavo alle semplici cose. Pian piano crescendo, è aumentata la voglia di imparare ed ora sono qui ad amministrare questo sito!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi