Recensione Fritz!Repeater 2400
Fritz!Repeater 2400: per l’estensione wireless definitiva
10 Maggio 2020

Arcadia II è il case best buy entry level che stiamo cercando

Recensione Raijintek Arcadia II

Nella recensione odierna andiamo ad analizzare il Raijintek Arcadia II, un case che si rivolge alla fascia bassa del mercato.

Caratteristiche tecniche Arcadia II

L’Arcadia II è un case mid tower dalle dimensioni contenute (185x375x460 mm) e particolarmente leggero (3.9 kg complessivi). Supporta un massimo di 5 ventole, di cui due sul frontale da 120 o 140 mm, due nella parte alta da 120 mm ed una sul retro da 120 mm preinstallata.

Il pannello I/O frontale è dotato di una porta USB 3.0, due porte USB 2.0 e le immancabile porte HD Audio. Per quanto riguarda i bay di espansione è possibile installare due dischi da 3.5” e altrettanti da 2.5”; in virtù della fascia di prezzo a cui si rivolge è inoltre presente un bay da 5.25”.

Infine l’Arcadia II supporta VGA dalla lunghezza massima da 340mm e dissipatori CPU da 160mm di altezza massima.

Unboxing

Il case viene spedito in un imballaggio abbastanza spartano, costituito da due blocchi di polistirolo in una confezione che ne riprende le principali caratteristiche, ma comunque efficace.

L’Arcadia II è costruito in SPCC (una lega a base di acciaio) da 0.5 mm di spessore, che rende quindi tutta la struttura abbastanza solida, anche se sottoposta a flessione o trazione. Il frontale è interamente in plastica e non presenta fori, se non delle feritoie negli ultimi 3 cm in basso.

La paratia laterale è in materiale acrilico colore fumé, colore che in tutta sincerità trovo abbastanza interessante. Entrambe le paratie laterali hanno un rialzo di circa un centimetro che torna particolarmente utile in fase di assemblaggio.

Come si può vedere, in fase di progettazione Raijintek ha predisposto diversi fori per il passaggio di cavi per il cable management. Sono disponibili 3 fori laterali (in rosso) nel caso si monti una scheda madre micro ATX, mentre ne sono disponibili solo due se si monta una scheda madre full ATX (in verde), il terzo è stato tolto per fare posto al bay da 5.25”. Gli altri slot evidenziati sono per i cavi dell’USB frontale, power on etc.

Al di sotto del copri PSU è possibile trovare l’alloggiamento per le unità da 3.5” rendendo di fatto inutile quello che sembra un alloggiamento per ventole da 12 mm.

Di seguito alcune immagini:

Pagina 1: Introduzione e unboxing
Pagina 2: Impressioni d’uso e conclusioni

Attila Tortorella
Attila Tortorella
Ciao, sono Attila Tortorella e sono uno studente. Traffico con i PC fin da bambino, cosa che mi ha fatto nascere la passione per l'hardware in genere. Alla passione è difficile resistere, per cui sono entrato prima nel team di overclock ed ora faccio parte dello staff di HwOverdrive.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi