XtremeOverdrive OC Team Italy supera i 100000 punti su HWBot
15 Febbraio 2021
Tranquillo rev.4, la soluzione di Gelid al dissipatore stock
21 Febbraio 2021

Overclock Ryzen: guida per RAM, BLCK e CPU su Zen 2 e Zen3

Copertina Overclock Ryzen

Nell’articolo odierno ci occuperemo di una guida per overclock Ryzen sia per architettura Zen 2 che Zen 3. Inoltre vedremo come overclockare RAM e FCLK.

Hai appena acquistato una nuova CPU Ryzen 5 3600 e magari stai rimpiangendo di non aver potuto prendere il modello Ryzen 5 3600XT?
Se hai fortuna, la lotteria del silicio potrebbe premiarti e potresti arrivare alle frequenze del modello di punta della tua serie, Zen2 o Zen3 che sia.

Processore prima di subire overclock Ryzen.
Un’immagine di una CPU Ryzen

Generalmente tali CPU possono raggiungere una frequenza compresa tra i 4.1 GHz e 4.5 GHz nei modelli più fortunati per Zen 2 e si arriva fino a 4.7 GHz per Zen 3.

Questa è una guida rivolta ai novizi e quindi molto semplificata al fine di rendere il processo più semplice possibile.

L’importanza dell’overclock del FCLK

L’FCLK frequency o Infinity Fabric è l’interconnessione interna alla CPU, da essa dipendono le prestazioni in generale di tutti i componenti e nel caso di frequenza troppo bassa il collo di bottiglia che si va a creare.

L’overclock del FCLK di solito si effettua indirettamente, mantenendo il rapporto con la frequenza delle RAM 1:1. Se questo rapporto viene meno le performance crollano. Nei test seguenti il rapporto FCLK/RAM è sempre tenuto pari a 1:1, salvo dove diversamente specificato.

Come si può notare dai grafici, le prestazioni seguono un andamento lineare con l’aumento della frequenza dell’FCLK, pertanto sarà meglio cercare di raggiungere una frequenza più alta di FCLK, anche a discapito della frequenza delle RAM, al fine di preservare il rapporto 1:1.

Inoltre eseguendo altri test sulle frequenze più comuni ho notato che l’aumento di prestazioni a parità di frequenza, abbassando le latenze è risicato.

Paradossalmente è preferibile mantenere latenze leggermente più rilassate, per non limitare la frequenza delle RAM.

Generalmente non si riesce a superare 1900 MHz di FCLK su Zen2, tuttavia in alcuni modelli fortunati si raggiungono anche i 2000 MHz, mentre per i modelli Zen3 si raggiungono anche 2200 MHz.

Overclock Ryzen: RAM e FCLK

Per avere un overclock Ryzen stabile sulle architetture Zen2 e Zen3 è preferibile prima eseguire un’overclock stabile delle RAM in maniera tale da non registrare instabilità successive sulla CPU.

Un buon risultato è sicuramente portare le RAM a 3800 MHz CL16 così da avere poi FCLK a 1900 MHz o se proprio non si riesce, cercare di avere 3600MHz CL 14 e di conseguenza FCLK 1800 MHz.
Per chi non lo sapesse i CL sono le latenze espresse in cicli, esso cambia di durata in base alla frequenza delle RAM.

credits to erik gazi on unsplash
Overclock Ryzen: le RAM in azione

Ad esempio una RAM 3200 MHz CL16 e 3800 MHz CL19 hanno entrambe una latenza di 10ns.

Se non si hanno abbastanza competenze è sufficiente seguire i valori che fornisce DRAM Calculator: inserite precisamente i componenti in vostro possesso e cliccate Safe, come mostrato nello screen sottostante.

Parametri RAM per overclock Ryzen
Nel mio caso ho un Ryzen 5 3600 (quindi Zen2) e delle RAM Trident Z con chip Samsung B-die su Asus X470-F Gaming che voglio far funzionare a 3800 MHz.

Se non sapete che tipo di RAM avete potete usare Thaiphhon burner, che vi indicherà i componenti in vostro possesso, come da screen.

Per impostare i valori forniti da DRAM Calculator, sarà quindi necessario accedere al BIOS (premendo “canc” o “F2” a seconda del produttore), cercare il menù DRAM e quindi il sottomenù Timings (le voci possono variare leggermente a seconda dei modelli). Una volta fatto questo basterà impostare manualmente i parametri come indicato da DRAM Calculator.
Oltre questa operazione occore impostate il Vsoc a 1.1 V per ulteriore stabilità.

Se dopo queste operazioni il PC si avvia senza problemi, avviate il memtest integrato in DRAM Calculator.

Se dovessero sorgere problemi, è possibile alzare il DRAM Voltage fino a 1.45 V, con step di 0.10 V fino a raggiungere la stabilità. In alternativa si può impostare una frequenza più bassa su DRAM Calculator per ottenere un nuovo set di parametri.

Consiglio anche di controllare la latenza delle CCX, se è alta (superiore a 80) di solito è indice di instabilità del FCLK e pertanto va comunque abbassata la frequenza delle RAM.

Latenza del CCX dopo Overclock Ryzen
Controllo della latenza del CCX

Se qualcuno vuole fare test più approfonditi per la stabilità della RAM io utilizzo la versione a pagamento di Mem Test. Basta inserire quanti threads si ha a disposizione ed avviarlo. In alternativa nella versione free vanno avviate tante istanze per riempire la RAM che si ha a disposizione. Più istanze si avviano e più sarà veloce, ovviamente nei limiti dei threads che si hanno a disposizione.

Una volta avviato correttamente, bisogna attendere che faccia circa il 300% su tutti i thread senza errori. Nel caso vengano trovati degli errori si può alzare leggermente il voltaggio della DRAM secondo i parametri indicati in precedenza.

Overclock Ryzen: CPU

L’overclock dei processori Zen2 e Zen3 in confronto a quello della RAM è più semplice, basta controllare le temperature e non superare dei voltaggi limite per evitare disastri.
Per prima cosa consiglio di salvare un backup dei settaggi del BIOS, di solito ci sono dei profili appositi per fare questo.
Eseguito il backup per effettuare un overclock modifichiamo solo Cpu Frequency/Cpu Ratio su 41 o 4100 a seconda dei produttori e CPU Voltage a 1.225 V, successivamente salvate e uscite.

Vi consiglio di tenere sotto controllo in tutti i test la temperatura di CPU (Tctl/Tdie) con il programma HWiNFO, anche se la casa madre consiglia di non superare i 95°C è meglio stare sotto i 80°C così da avere un certo margine (considerate la temperatura ambiente estiva) ed evitare che il processore possa deteriorarsi in modo accelerato.

Overclock Ryzen: CPU test parte 1

Ora cercheremo di avere una stima della qualità della CPU che abbiamo a disposizione, effettuando un test di media entità e di breve durata.
Una volta avviato Windows lanciamo Cinebench R20 e HWiNFO mettendo la spunta “solo sensori”, su quest’ultimo teniamo d’occhio CPU (Tctl/Tdie) .

Se lo finisce senza errori e non superiamo gli 80°C riavviamo e alziamo la frequenza, finché non Cinebench R20 non comincerà a dare errori (o il PC non si avvierà). A questo punto possiamo alzare il CPU Voltage di qualche step fino ad un valore massimo di 1.25V, oppure abbassiamo di 50 o 100 MHz.

Overclock Ryzen: CPU test parte 2

Ora iniziamo la seconda parte dei test in overclock in cui cercheremo la stabilità totale.

Scarichiamo IntelBurnTest (IBT), ed avviamo HWiNFO e IBT sul quale selezioniamo Stress Level “Maximum” e clicchiamo “Start”.

Ricordo sempre di tenere sotto controllo le temperature. Questo test è uno dei più pesanti che si conoscono e le temperature che vedrete qui non le vedrete in nessun altro ambito.

Overclock Ryzen perfettamente riuscito
IntelBurnTest con 10 Cicli completi

Nel caso non riuscisse a terminare senza errori alziamo il CPU Voltage fino a 1.275 V, se ancora non fossimo stabili abbassiamo la frequenza di 50 o 100 MHz e ripartiamo da 1.225V. Dopo aver passato il test in overclock la CPU dovrebbe essere stabile ma visto che non abbiamo eseguito una regolazione di fino con la Load Line Calibration, per sicurezza è meglio aggiungere un altro +0.025 V al valore finale del Cpu Voltage.

Considerazioni sull’overclock eseguito

Quando si effettua l’overclock è inutile cercare di salire troppo in alto con le frequenze anche perché vicino al limite fisico della CPU ci sono più svantaggi che vantaggi sia per le architetture Zen che per altre CPU in generale.
Il mio Ryzen 5 3600 raggiunge facilmente i 4.5 GHz ma con 105W di TDP e temperature troppo alte. Abbassando la frequenza a 4.4 GHz i consumi sono scesi a 95W e di conseguenza anche le temperature si sono abbassate.

Ma anche a 4.4 GHz ho avuto un incremento considerevole delle prestazioni del processore, confrontando con il modello stock ho avuto un miglioramento del 12% in multithreading e +6% su thread singolo. Se invece lo confronto con Ryzen 5 3600XT ho un miglioramento +7% in multithreading e -2% su thread singolo, spendendo tuttavia 100€ in meno che possono essere investiti in un buon dissipatore.

Siamo giunti al termine della nostra guida riguardante l’Overclock Ryzen, buon overclock a tutti.

Questa guida è a solo scopo informativo, non ci assumiamo nessuna responsabilità in caso di eventuali danni.

Ranieri92
Ranieri92
Mi appassionano le novità dell'informatica e il gaming in generale. Mi piace discutere delle cose e conforntarmi con gli altri quindi non esitate a commentare.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi