Copertina Overclock Ryzen
Overclock Ryzen: guida per RAM, BLCK e CPU su Zen 2 e Zen3
17 Febbraio 2021
RX 570 da 4GB convertita in RX 570 da 8GB: si può fare!
14 Marzo 2021

Tranquillo rev.4, la soluzione di Gelid al dissipatore stock

Nella recensione odierna andremo ad analizzare le prestazioni del Gelid Tranquillo rev.4, un dissipatore di fascia medio bassa, che si propone di offrire prestazioni dignitose rispetto al dissipatore stock fornito in bundle con le varie CPU.

Caratteristiche tecniche Gelid Tranquillo rev.4

Il Tranquillo rev.4 è un dissipatore monotorre abbastanza compatto: misura infatti 154x128x62 mm (h w l), per cui se si usano case ATX non sarà necessario prendere particolari accortenze. Discorso diverso se invece si vuole usare un case m-ATX forse sarà necessario controllare lo spazio a disposizione. Per quanto riguarda la compatibilità, il Tranquillo rev.4 è compatibile con tutti i socket consumer attualmente in circolazione, fatta eccezione per i socket LGA 2011/2066, per i quali andranno acquistati a parte le staffe di ritenzione.

Confronto tra il Tranquillo rev.4 e la versione precedente, direttamente dal sito Gelid.

La struttura è costituita da 4 heatpipes in rame che sono poste a diretto contatto con l’heatspreader della CPU. Inoltre le alette (poste ad una distanza di 2mm l’una dall’altra) sono placcate in nickel, differentemente dalle precedenti versioni, assicurando un migliore scambio termico con l’aria. Infine la tecnologia Stacked Soldered Heatpipe and Fin  garantisce un miglior contatto tra le alette e le heatpipes. In sintesi Gelid ha cercato di offrire un dissipatore con un buon livello tecnologico ad un prezzo decisamente basso.

In bundle con il Tranquillo rev.4 viene fornita una ventola GELID PWM da 120mm di diametro con una portata massima di 65.5 CFM ed una pressione statica 2.18 mmH2O. La ventola ha inoltre un MTBF di 50000 ore.

Unboxing e montaggio Gelid Tranquillo Rev.4

Il tranquillo rev.4  arriva in una piccola scatola in massima parte biancoverde. All’interno troviamo una scatola in cartone contenente il necessario per ancorare il dissipatore alla scheda madre, ed un involucro in plastica contenente sia l’heatsink che la ventola.

Il bundle del Tranquillo rev.4 è abbastanza scarno: oltre al kit di montaggio prevede solamente un tubetto di pasta termica Gelid da 1g, le clips per montare una seconda ventola in maniera tale da realizzare una configurazione push-pull.

Per il montaggio occorrerà procurarsi un cacciavite abbastanza lungo (non fornito in bundle). Come si può vedere dalle foto bisognerà prima ancorare delle alette in metallo alla base del dissipatore e successivamente avvitare il complesso così ottenuto al backplate della scheda madre. Onestamente, non capisco perché non siano state fatte delle alette univoche sia per AMx che per AM4; magari in revisioni successive verrà fatto.

Va detto che al tatto le alette del dissipatore non trasmettono una sensazione di grande solidità.

Una volta montato, come si può vedere dalle foto, non c’è nessun problema per l’installazione di moduli di RAM ad alto profilo, trattandosi di un dissipatore single-tower.

Indice
Pagina 1: Introduzione e unboxing
Pagina 2: Benchmark e conclusioni

Attila Tortorella
Attila Tortorella
Ciao, sono Attila Tortorella e sono uno studente. Traffico con i PC fin da bambino, cosa che mi ha fatto nascere la passione per l'hardware in genere. Alla passione è difficile resistere, per cui sono entrato prima nel team di overclock ed ora faccio parte dello staff di HwOverdrive.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi