Guida: SFF for Gaming


Ccriteri di scelta utili ad assemblare i componenti che andranno a comporre il nostro PC GAMING [/CENTER]

- CASE / PSU
- AMPERAGGI DELLA LINEA 12V
- CONSUMO COMPONENTI
- DISSIPAZIONE
- SCHEDA MADRE
- PROCESSORE
- SCHEDA VIDEO
- RAM
- STABILITA’ DEL SISTEMA TEST



- CASE / PSU


Per assemblare un buon sistema da gioco è importante partire dalla qualità del case e del suo alimentatore. E’ quindi fondamentale gestire il proprio budget dedicando la giusta attenzione nell’acquisto dell'alimentatore.
Gli accorgimenti particolari da addottare nella scelta del case sono:

- ALIMENTATORE
- SPAZI INTERNI
- ALLOGGIAMENTI
- SPAZIO DEDICATO ALLA GPU con DOPPIO SLOT.


Gli alimentatori o PSU che si utilizzano nello Small Form Factor ( SFF ) sono solitamente 3 tipi. I modelli SFX, Flex Atx e per ultimo i classici alimentatori ATX da qualsiasi Wattaggio che però possono essere ospitati solamente da determinati case tipo Lian-Li.


Avendo il case e l’intero sistema dimensioni ridotte si vengono a restringere di conseguenza anche gli spazi aperti per far circolare correnti d’aria utili al raffreddamento dell’intero sistema.
Si deve perciò proveddere ad aggiungere qualche ventola in caso non ne fosse provvisto a sufficienza il case ed anche a sistemare bene i componenti interni come la cavetteria per impedire che essi blocchino i flussi d’aria.


Quasi la totalità dei case per gaming hanno pochi alloggiamenti per dischi e periferiche varie. Di solito lo standard prevede l'alloggiamento di 1 unità da 2,5” e 1 da 3,5” ( Il Lian-Li Q08 ne ospita fino a 4 per esempio). Tuttavia e evidente che negli alloggiamenti utili di primaria importanza non deve venire a mancare lo spazio necessario per ospitare una scheda video di fascia medio alta che vada almeno dai 23 ai 30 cm di lunghezza massima, calcolando che lo spessore andrà ad occupare occupare 2 slot.


- AMPERAGGI DELLA LINEA 12v


l'elemento più importante da valutare nella scelta dei componenti riguarda sicuramente gli amperaggi della linea 12V, quella che andrà ad alimentare la scheda madre, la CPU, la scheda video e i suoi connettori ausiliari a 6 o 8 pin. Nella scheda tecnica dell’alimentatore (Targhetta) vi sono specificati gli amper (A) che ogni linea ha a disposizione. Ad esempio se possediamo un'alimentatore avente nella linea 12v un valore di 26A significa che nei connettori a 12v potremo attaccare una CPU ed una scheda video che andranno a consumare al max 312W ( 12v x 26A = 312W ). Nella riga comined +12v troveremo 36A x 12 = 432W.
In ogni caso se volete meglio approfondire l'argomento vi invito a leggere la nostra guida specifica: http://www.hwmaster.com/forum/guida-...ore-t5872.html


-CONSUMO COMPONENTI

Il consumo dei componenti è un'elemento importante da considerare per la stabilità del nostro sistema. I componenti più esosi in termine di un maggior consumo sono la CPU e la SCHEDA VIDEO. Pertanto tenendo valido l'esempio citato prima se abbiamo un consumo max di 312W dovremo accuratamente scegliere una CPU ed una scheda video adeguata a questo valore. Una CPU I7-2600K di Intel consuma da sola circa 130W. Avremo quindi a disposizione altri 180W per la scheda video. Ricercando i consumi delle CPU non dobbiamo prendere in considerazione come valore massimo assoluto quello corrispondente al TDP Una CPU I7-2600K ha un TDP di 95W ma un consumo max di 130W. Il TDP infatti è soltanto la quantità di calore prodotta dalla CPU in condizioni di sforzo, che dovrà essere dissipata. Questo solitamente è un valore di riferimento nell’acquisto di un dissipatore che avrà il compito di smaltirne il calore erogato.

- DISSIPAZIONE


E' chiaramente scontato che per il gaming utilizeremo una CPU spinta pertanto dovremo assicurare un appropriata dissipazione del calore, elemento importante atto a contribuire una buona stabilità generale del sistema oltre che offrire un grado di sicurezza e di durata superiore ai nostri componenti.na buona dissipazione del calore. Di dissipatori per CPU ne esistono una miriade di modelli. Nei sistemi Gaming vanno sempre considerati gli spazi gli spazi ristretti. I classici dissipatori a torre che ultimamente sono cresciusti a dismisura non potranno quindi essere montati in mini case da gaming. Le altezze massime usufruibili nei piccoli case vanno da un minimo di 60 mm ad un max di 120mm. Un altro fattore molto importante nella scelta dei dissipatori ad aria e lo slot PCI-Express. Molte schede madri hanno spesso il socket della CPU molto vicino allo slot dedicato alla scheda video. Alcuni dissipatori sono molto validi per uso Gaming, tuttavia il corpo dissipante e le pipe molto volte generosi vanno ad invadere lo slot PCI-Express rendendolo inutilizzabile. Stessa attenzione, anzi maggiore va prestata per salvaguardare l'utilizzo degli slot per le ram.

Per la dissipazione del calore di una CPU possiamo utilizzare a pari modo anche le valide alternative offerte dai kit in commercio, soluzioni All in One a liquido. Facendo attenzione alle misure dei radiatori che a volte risultano molto ingombranti. Uno dei candidati migliori per questo uso è il Corsair H60 con una misura adatta a case di piccole dimensioni. Anche se personalmente sconsiglio questo genere di raffreddamento in quanto non vi è nessuna ventilazione che favorisca anche indirettamente gli altri componenti della scheda madre. Tuttavia preferibile che al kit a liquido si abbini una ulteriore ventola in estrazione per creare un ricircolo d’aria.


- SCHEDA MADRE



Negli ultimi anni si sono rese disponibili diverse generazioni di processori. E ad ogni generazione si abbina una serie di schede madri caratterizzate da chipset diversi, che variano le peculiarità.
Nella tabella sottostante ne riassumiamo le più importanti.




Pertanto mi asterrò nel consigliarvi una specifica marca rispetto un'altra da abbinare a un PC gaming. E’ comunque preferibile scegliere schede madri con chipset Z77 che consentono l'overclock della CPU. Se non si vuole usufruire di queste funzioni per spingere la CPU, possiamo accontentarci del chipset H67 compatibile con processori Intel i7- i5 e i3 di terza generazioni "Ivy Bridge".

- PROCESSORE

Fondamentale la scelta del processore. Le due eterne rivali sono da sempre Intel e AMD. Intel in campo SFF sempra aver fatto passi da gigante, AMD invece per ora resta a guardare tenendo in serbo sorprese per il futuro. L'architettura delle CPU AMD Trinity almeno sulla carta sembrano paragonabili a quelle della controparte Intel. Il suo vantaggio è stato integrare nella stessa componente una scheda grafica discreta. Intel è oramai giunta alla terza generazione di processori da montare in una scheda Mini-ITX segno di una maturata esperienza nel campo.
Pertanto il mio consiglio e di usare processori Intel come i7 e i5 di ( Sandy Bridge ) o terza generazione ( Ivy Bridge ). Si potrebbe valutare anche il modello i3 ma per il gaming si può dire che non è molto adatto e potremmo soffrire del classico collo di bottiglia specialmente in qualche gioco che richieda espressamente operazioni più complesse ed elaboratea. Sul fronte AMD si potrebbe puntare lo sguardo su processori A8 o A6 della serie Llano che utilizzano il socket FM1 oppure A10 o A8 della serie Trinity su socket FM2. Tuttavia la scelta AMD consentirebbe un contenimento dei costi a fronte di qialche difficoltà che non sarebbe riscontrate nelle piattaforme, le quali sicuramente regalerebbero qualche soddisfazione in più ottenendo un più fluida e ottimale esperienza di gioco.


- SCHEDA VIDEO


La scelta della scheda video e un'elemento da curare nei minimi aspetti, in quanto non si traduce solo in termini di potere di acquisto, ma vanno considerati anche gli ingombri per i quali dobbiamo accertarne una possibile reale collocazione all'interno del case in nostro possesso. Uno di questi fattori forse il più importante per non avere complicazioni e la lunghezza.

Riassumo quindi per comodita le principali lunghezze delle più comuni schede video.


AMD Radeon HD 7970: 28 cm
AMD Radeon HD 7950: 26,5 cm
AMD Radeon HD 7870: 26 cm
AMD Radeon HD 7850: 21 cm
AMD Radeon HD 7770: 21 cm
AMD Radeon HD 7750: 17 cm

AMD Radeon HD 6990: 30,5 cm
AMD Radeon HD 6970: 27,5 cm
AMD Radeon HD 6950: 27,5 cm
AMD Radeon HD 6870: 24,8 cm
AMD Radeon HD 6850: 22,7 cm
AMD Radeon HD 6770: 22 cm
AMD Radeon HD 6750: 20 cm

ATI Radeon HD 5970: 30,5 cm
ATI Radeon HD 5870: 27,7 cm
ATI Radeon HD 5850: 24 cm
ATI Radeon HD 5830: 26,5 cm
ATI Radeon HD 5770: 22 cm
ATI Radeon HD 5750: 20 cm
ATI Radeon HD 5670: 17 cm




NVIDIA GeForce GTX 680: 25,5 cm
NVIDIA GeForce GTX 580: 26,7 cm
NVIDIA GeForce GTX 570: 26,7 cm
NVIDIA GeForce GTX 560: 22,8 cm
NVIDIA GeForce GTX 550: 21 cm

NVIDIA GeForce GTX 480: 26,7 cm
NVIDIA GeForce GTX 470: 24 cm
NVIDIA GeForce GTX 460: 21 cm
NVIDIA GeForce GTS 450: 21 cm





I siti dei produttori riportano di solito il consumo che ogni scheda grafica apporterà al nostro sistema. Questo risulterà utile per i nostri calcoli dei consumi spiegati prima nella scelta dell'alimentatore. Anche in questo caso mi astengo dal consigliarvi Nvidia o AMD. Entrambe le schede possono avere performance migliori della loro controparte se confrontate a parità di titolo.



- RAM


Le RAM svolgono un compito importantissimo. Pertanto e evidente che RAM che raggiungono alte frequenze e offrono latenze minori sviluppano prestazioni migliori in ambito Gaming. Controllate con attenzione l’altezza dei banchi di ram. A volte nelle ram specialmente su quelle di fascia alta vengono montati dalle case produttrici delle alette dissipanti per agevolarne il raffreddamento, che potrebbero entrare in conflitto con il corpo o le pipe del dissipatore. Da non dimenticare la compatibilità delle frequenze raggiungibili in funzione della sceda madre scelta. Ad esempio RAM con frequenze alte da abbinare a una scheda Mini-Itx può risultare inutile, in quanto solamente le ultime generazioni di chipset possono ospitare Ram DDR3 fino a 2800+. Fino al chipset H67 di Intel il top che si poteva montare era una ram DDR3 1333. Dal lato AMD invece il max supportato dalle schede madri è DDR3 1866.



- STABILITA’ DEL SISTEMA TEST


Dopo aver valutato e varato tutte le varianti che possono ostacolare il nostro assemblaggio e dopo aver installato il sistema operativo con i relativi driver delle periferiche e della scheda video c’è da verificare se il nostro sistema risulterà sarà stabile sia nel daily use che ovviamente e sopratutto durante il gioco. Per testare le potenzialità e la stabilità del nostro sistema e dichiararlo Rock Solid potremo agire come sotto elencato:
Software indispensabili:
LinX (0.64) - 10.3.11.019 (01/07/12) - Attenzione le versioni precedenti alla 10.3.2.005 (2/3/2011) non testano adeguatamente alcune CPU .
CPU-Z - 1.60
RealTemp - 3.70 (4 core) - 3.70 GT (6 core) .
Windows 7 - Service Pack 1
Software utili:
SuperPi Mod - 1.5 XS
Tmonitor - 1.04
CoreTemp - 1.0 Rc2
Prime95


Corretta esecuzione di LinX:

La durata del test è proporzionale al quantitativo di RAM dedicata al programma, selezionabile dall'apposita casella.
Questa va impostata su "ALL" il tasto a fianco della sopracitata casella .
Per sistemi con 8 Gb di ram bisogna effettuare minimo 15 cicli.
Chi ha sistemi con più di 8 Gb di ram (es. 16 o 32) , ha la facoltà di impostare manualmente la memoria a minimo 7000 Mb ed eseguire almeno 15 cicli .
Chi effettua il test con sistemi dotati di solo 4 GB di ram deve effettuare minimo 20 cicli

Disattivate il Thermal Monitor della CPU ed alzate il CPU current capability al 130% (per mainboard asus su altre può avere altri nomi ed altri valori,es. current limit) in modo che non intervenga il limitatore di TDP (power limit),
test con Gflops troppo diversi tra i vari cicli , o con valori troppo bassi in rapporto alla frequenza , non assicurano la stabilità
Quindi non effettuare nessuna operazione manuale o in background durante il test LinX, può far perdere Gflops e rendere il test inattendibile.
Per ultimo , anche usare configurazioni delle ram con meno di 4 banchi (quad channel) può portare ad un moderato calo dei Gflops misurato in circa il 5% in Dual channel .


Nota :Come evitare le cause di instabilità non legate alla CPU .

Evitare l'OC sulle ram è consigliabile meglio farlo quando avete terminato con l'OC della CPU accertandone la stabilità.
Vi consiglio di valutare bene le difficoltà e i benefici dati dall'OC delle ram, che si traducono in un incremento globale minimo .
Spesso usare le DDR3 da 2133 Mhz , anche se certificate , richiede una calibrazione manuale dei VTT e VCCSA , e la stabilità non è sempre garantita quindi conviene sempre testarle adeguatamente .
Per avere la massima sicurezza della stabilita delle vostre ram testarle con 2 cicli al 100% di Memtest 86 + sia con la CPU a Default che successivamente in OC.
Spesso usare 8 banchi di memoria può peggiorare le prestazioni in OC della CPU , oltre che rendere difficile arrivare a 2133 mhz anche con ddr3 certificate.
Sostenendo le stesse motivazioni evitate di eseguire i test di stabilità della CPU con la scheda grafica overclockata, nel caso riportatela a default .